giovedì 30 maggio 2013

La follia del Vangelo o la follia di evangelici?

L'apostolo Paolo scrisse ai Corinzi che la parola della croce è stoltezza per la mente carnale e naturale per quelli che periscono (1 Corinzi 1:18, 21, 23, 2:14, 3:19). Stesso è stato chiamato pazzo da Festo, quando ha annunciato questa parola (Atti 26,24). Appena prima di passare attraverso Atene, è stato quello di disprezzare i filosofi epicurei e stoici per annunciare la croce e la risurrezione (Atti 17:18-32). Il Vangelo sembrerà sempre pazzo per l'uomo non rigenerato. Tuttavia, che non ci si vergogni se abbiamo considerato pazzo, annunciando la croce e la risurrezione. Come ha scritto Peter, se soffriamo, è perché siamo cristiani e non come un assassino o ladro, o malfattore, o come uno che si immischia in altre attività (1 Pietro 4:15-16).
Lungo la stessa linea, nella lettera che scrisse ai Corinzi, l'apostolo Paolo, a un certo punto, chiedendo loro di evitare di sembrare folle: "Quando dunque tutta la chiesa si fondono nello stesso luogo, e se si mette tutto il parlare in lingue, se ignoranti, o non credenti, non si dice forse che siete pazzi? " (1 Cor 14,23). Vale a dire, l'apostolo non voleva che i cristiani hanno dato al mondo per ragioni che ci chiamano pazzo a meno che la predicazione della croce.
Purtroppo gli evangelici - o uno di loro - non hanno ascoltato le parole di Paolo, che vale cercare di non sembrare folle. C'è così tanto nella follia evangelica, manca di sapienza, la superstizione, cose ridicole, ci limitiamo a dare i nemici di Cristo un bastone per battere noi. Siamo ridicolizzati, disprezzati, diventiamo di disprezzare, non per predicare Cristo e Lui crocifisso, ma da sciocchezze, sciocchezze, sciocchezze, tutto fatto in nome di Gesù Cristo.
Cosa pensi che il mondo pensa di una visione in cui i polli parlano in lingue e interpretano un gallo che parla a nome di Dio, portando una rivelazione profetica di un pastore? Possiamo dire che il ridicolo che questo provoca è il risultato della predicazione della croce? O la parte superiore parroco, che dopo aver parlato lingue diverse ea profetizzare, gira a seguito di l'unzione di Dio? O "unzione Leone" presumibilmente ricevuto da Dio durante il concerto gospel, che rende la persona che cammina a quattro zampe come un animale sul palco?
So che sostenere che Dio ha parlato attraverso l'asino di Balaam, e polli posso parlare attraverso unto. Ma la differenza è che l'asino ha parlato di esso. Nessuno ha avuto una visione in cui parlava. E deve aver parlato la lingua di Balaam, non lingue. A quel tempo i profeti mancava - Dio aveva solo un asino di Balaam rimprovero mercenario. Non avrei alcun problema se un intero pollaio parlare portoghese, in assenza di uomini e donne di Dio in questa nazione. Ma non credo che questo sia il caso.
Io so che Dio ha mandato profeti profetizzano e camminare nudo e fare cose strane come nastri di cuoio a marcire. E mandò un altro mangia locuste e miele selvatico e salsa di pelli di animali. Tutto questo aveva un senso nel momento in cui la rivelazione scritta, la Bibbia, non era pronto, e dove questi profeti erano strumenti di Dio per la loro rivelazione speciale e infallibile. Non vedo alcuna somiglianza tra il pastore pione, Pastor leonessa e il profeta Isaia, che ha camminato nudo e scalzo per tre anni come simbolo di ciò che Dio avrebbe fatto in Egitto e in Etiopia (Isaia 20:2-4).
So che il mondo sarà sempre deridere i credenti, ma questa presa in giro, come Paolo voleva, è il risultato della predicazione della croce, la proclamazione delle verità del Vangelo, e non il frutto della nostra follia.
Io non mi vergogno del Vangelo di follia, ma la follia di alcuni che si chiamano gli evangelici.

giovedì 14 febbraio 2013

La rinuncia di Benedetto XVI e orologio profetico di Dio


La prima reazione è stata lo stupore, la riflessione secondo e terzo per collegare il pulsante di allarme.
Proprio in questo ordine come lo ero io quando ho sentito la notizia delle dimissioni di Papa Benedetto XVI.
Lo stupore, per non aver mai sentito parlare di un Papa che ha lasciato il trono di San Pietro.
Ma dopo aver appreso delle ragioni che lo hanno spinto a prendere questo atteggiamento, sono stato portato a questo atto di riflessione.

Penso che sia stato un atto di grande coraggio e dignità e serve un esempio per molti pastori evangelici in mezzo a noi.
Per quanto ne sappiamo pastori che hanno superato la data di scadenza, ma ancora non passa il testimone, non lasciare il pulpito, anche in assenza di qualsiasi altra cosa la necessità di "dare" gli agnelli povero piccolo.
Tuttavia, ora chiamato pulsante del tono di avviso, perché credo che questo periodo di stagnazione che stiamo vivendo, l'aria di mare e questo mare di indifferenza nella chiesa immerso negli ultimi 20 anni sta volgendo al termine.
Papa prega che esce è considerato un conservatore e Chiesa cattolica ha perso un sacco di spazio, potere e influenza e il passaggio al liberalismo sarebbe qualcosa di completamente accettabile per la nostra attuale società Sodoma e Gomorra.
L'orologio profetico di Dio ha percorso 10 minuti.
E ora penso che noi siamo la generazione del rapimento sì, perché tutti i pezzi del puzzle sono già profetica agganciata al 99%, manca solo l'aspetto del Anticristo, il falso profeta saprà perché è quando il nuovo Papa prendere.
Maranatha!